Oltre alle ragioni che si sono esposte, vi sono delle ragioni particolari che spingono i cristiani a promuovere il rispetto della vita?

La morale cristiana sottoscrive senza riserve la «regola aurea» della morale universale: «Non fare agli altri ciò che non vorresti venisse fatto a te».

Inoltre il cristiano non si domanda chi è degno di essere suo prossimo, ma si interroga in qual modo può farsi prossimo agli altri.

Infine il cristiano crede che le forze del male sono all'opera nel mondo e che Gesù è venuto sulla terra per salvare tutti gli uomini. Con la loro violenza le campagne per l'aborto e per l'eutanasia mirano a colpire l'uomo, ma mirano anche a Dio. Impotenti a distruggere Dio, le forze del male vogliono distruggere l'uomo che ne è l'immagine vivente dall'inizio al termine della sua vita terrena. Per il cristiano, tutti gli uomini hanno ricevuto l'esistenza da Dio stesso ed è per questo che sono fratelli. Di conseguenza, ogni uomo deve essere non solo rispettato ma amato, perché esprime qualcosa della bontà e della bellezza di Dio, e perché è destinato alla vita eterna.

Pagina seguente

Rivedere pagina "Sintesi & conclusioni".

Rivedere pagina "Indice generale".