Che cosa dice la Chiesa a proposito dell'aborto?

È necessario anzitutto che i cristiani si ricordino della «regola aurea» attestata in tutte le grandi tradizioni morali dell'umanità1 e ripresa da parecchi dei più grandi filosofi2. Questa regola aurea è stata riaffermata e portata a perfezione nel Vangelo: «Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a toro».3

I cristiani devono altresì rammentare che, secondo la Scrittura, gli assassini non entreranno nel regno di Dio.4

Bisogna infine che siano consapevoli che l'aborto non è una mancanza tra le altre del rispetto dovuto alla vita umana, ma che, in ragione dell'estrema debolezza della vittima, è un «delitto abominevole».5

_____________________________________________

  1. "Non fare al prossimo tuo ciò che ritieni detestabile" (Tradizione giudaica); "È questa la sintesi di tutti i doveri: non fare agli altri ciò che a te farebbe male (Tradizione induista); "Non offendere gli altri nella maniera in cui offenderebbe te" (Tradizione buddhista); "Non fate agli altri ciò che non volete che essi facciano a voi" (Tradizione confuciana); "Nessuno di voi è credente se non desidera per suo fratello ciò che desidera per sé stesso" (Tradizione islamica), ecc. Cfr A. Fossion, Passion de Dieu, Passion de l'homme, Bruxelles, Éd. De Boeck, 1985, p. 22.
  2. In filosofia la "regola aurea" è al centro della morale di Kant (1724-1804): "Agisci in modo da considerare l'umanità, sia nella tua persona, sia nella persona di ogni altro, sempre anche al tempo stesso come scopo, e mai come semplice mezzo". E, come le grandi tradizioni morali dell'umanità, Kant mette in rilievo la portata universale di questa regola: "Non compiere alcuna azione secondo altra massima da quella con cui sia compatibile l'esistenza di una legge universale: in modo, dunque, che la volontà, con la sua massima, possa considerarsi come universalmente legislatrice rispetto a sé medesima". Cfr Immanuel Kant, Fondazione della metafisica dei costumi, a cura di Vittorio Mathieu, Rusconi, Milano, 1982; le citazioni si trovano a pp. 126 e 132.
  3. Si vedano, per esempio, Mt 5, 38; 7, 12; 22, 34; Lc 6, 31; Gv 13, 64s.
  4. Cfr Gn 4, 10; Es 20, 13; Dt 5, 17; Sap 2, 24; Rm 1, 29; Gv 8, 39-44; 1 Gv 3, 12-15; Ap 21, 8; 22, 15. Si veda Cost. past. Gaudium et spes, n. 27.
  5. Cfr Cost. past. Gaudium et spes, n. 51; nonché canone 1398. L'insegnamento della Chiesa sull'aborto è esposto ai nn. 2270-2275 del Catechismo della Chiesa cattolica, pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana nel novembre 1992.

Pagina seguente

Rivedere pagina "La Chiesa & la natalità".

Rivedere pagina "Indice generale".