Sintesi & conclusioni

La depenalizzazione dell'aborto, e la liberalizzazione che ne è la conseguenza pratica, fanno dunque gravare serie minacce sulla nostra società? Non saremo noi probabilmente i testimoni dell'attuazione di un programma scientifico d'ingegneria sociale? Con quasi sei miliardi di abitanti non abbiamo raggiunto i limiti di capienza della terra?
In definitiva, bisogna rinunciare a parlare di sovrappopolazione? La "cultura della morte" è una caratteristica del nostro secolo? Anziché iscriversi nella "cultura della morte", le manipolazioni genetiche non sono volte al servizio della vita?
È possibile prevedere le conseguenze di queste manipolazioni e delle legislazioni che mirano a "legittimarle"? Oltre alle ragioni che si sono esposte, vi sono delle ragioni particolari che spingono i cristiani a promuovere il rispetto della vita? In conclusione, la vita umana sarà un segno di speranza per tutti gli uomini?

ss31

To download the text, click here: Sintesi & conclusioni (pdf file)