Gli attori: medici & magistrati

La pratica dell'aborto non va modificando l'immagine della medicina? È ravvisabile nei medici uno sdoppiamento della personalità? Non è da temere un'ingerenza della morale nell'àmbito scientifico?
Come può il medico essere condotto a subordinare gli interessi degli individui a quelli della società? La pratica dell'aborto non sta modificando l'immagine della magistratura? In qual modo l'atteggiamento del giudice che si astiene dal reprimere può ripercuotersi sulla società politica?
La legislazione che liberalizza l'aborto è tale da minacciare la separazione dei poteri e, di conseguenza, la qualità democratica delle nostre società?    

ss31

To download the text, click here: Gli attori: medici & magistrati (pdf file)