Preghiera

 

O Gesù

sui la Croce hai conosciuto la tua ultima tentazione, la più terribile:

quella di crederti abbandonato dal Padre.

Quando questa tentazione si insinua in noi,

dà forza, Signore, alla nostra Fede e alla nostra Speranza.

 

Signore!

Mediante la Croce hai vinto la morte

e a tutti gli uomini doni di poter gustare i frutti

della tua passione vittoriosa.

Tu sai però, Signore,

che il processo contro di Te continua fino ad oggi:

Tu, l'Innocente perfetto,

sei stato condannato da una folla sbraitante e in preda a una contagiosa follia: 

"Crocifiggilo! Crocifiggilo! è tutto quello che sapeva urlare.

 

Ora, nei nostri Paesi,

e talvolta nelle nostre famiglie,

si ripete il dramma del Venerdì Santo

con la eliminazione nascosta dei Santi Innocenti,

Donaci, Signore,

di non battere il nostro "mea culpa"

sui petto degli altri.

Donaci di riconoscere le nostre viltà e le nostre omissioni,

di fronte si proseliti della cultura della morte,

di fronte ai mercenari, ai profittatori e ai carnefici,

ai manipolatori dell'opinione pubblica, ai fabbricanti di contro-verità

e agli altri mercanti di violenza.

 

Di fronte a questa nidiata del Principe delle tenebre

dà anche a noi il coraggio

che hai dato alle sante donne, a Giovanni e a tua Madre.

Donaci anzitutto il coraggio di dissentire,

di non essere cioè pecoroni allineati e belanti,

e di rifiutarci di urlare insieme ai lupi.

Donaci il coraggio di chiamare morte la morte e vita la vita.

 

Contro la cultura della morte,

dà a noi e ai nostri Pastori

la forza di essere sentinelle capaci di dare l'allarme.

Concedici, Signore,

l'audacia di essere, quali tuoi seguaci, segni di contraddizione e di divisione

di fronte a coloro

che credono di poterti ancora uccidere,

mettendo a morte tanti innocenti,

i cui angeli contemplano nei cieli il Tuo volto.

 

Michel Schooyans

Fichier pdf: Preghiera